PACE E BENE !                                                               PASQUA – 2012 !

     La Pasqua-Passaggio del Signore: “Il vostro agnello sia senza difetto… Preso un pò del suo sangue, porranno sui due stipiti e sull’architrave delle case, in cui lo dovranno mangiare… È la pasqua del Signore! Il sangue sulle vostre case sarà il segno che voi siete dentro: io vedrò il sangue e passerò oltre, non vi sarà per voi flagello di sterminio…” (Es 12,5a.7.11b.13). Israele, nel ‘PASSAGGIO’ dall’Egitto alla ‘Terra Promessa’ è salvato dal Signore-Dio col ‘SANGUE DELL’AGNELLO IMMOLATO’. L’annuale ‘sacrificio-aspersione del sangue’ dell’Agnello del VT è ‘attuazione PASQUALE!’: figura di quella del NT.

     Gesù è il vero Agnello Salvatore!: “Il giorno dopo, Giovanni vedendo Gesù venire verso di lui disse: «Ecco l’agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo! Giovanni rese testimonianza dicendo: «Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui. E io ho visto e ho reso testimonianza che questi è il Figlio di Dio»” (Gv 1,29.32.34). Dinanzi a ‘GESÚ’, Giovanni Battista riconosce -nello Spirito Santo- il ‘FIGLIO DI DIO-AGNELLO’ che CI FA PASSARE DAL ‘PECCATO ALLA SALVEZZA’, consegnandosi alla morte di croce: “E infatti Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato!” (1Cor 5,7b).

CIRCOLARITÁ TRINITARIA                 DAL PADRE AL FIGLIO-AGNELLO

     Gli eletti, ‘DIVINAMENTE VESTITI’, trionfano per il ‘SANGUE DI GESÚ’: “«Quelli che sono vestiti di bianco, chi sono e donde vengono? Essi sono coloro che sono passati attraverso la grande tribolazione e hanno lavato le loro vesti rendendole candide col sangue dell’Agnello” (Ap 7,13-14). Le ‘Città-seduttrici’ e il ‘Drago-accusatore’, sono vinti dai ‘GIUSTI PER IL SANGUE DI CRISTO’:“Ma essi lo hanno vinto per mezzo del sangue dell’Agnello e grazie alla testimonianza del loro martirio…fino a morire” (Ap 12,11). La nostra PASQUA È L’EUCARISTIA, reali ‘SACRIFICIO E ASPERSIONE DEL SANGUE DI CRISTO’ su di noi: ORA!

     Il ‘Mistero Pasquale’, simboleggiato dal versamento delle ‘coppe’, ha due ‘conseguenze’: la ‘PREPARAZIONE DELLA SPOSA-CHIESA DELL’AGNELLO’, e la ‘FONDAZIONE DI UNA NUOVA CITTÁ SANTA’, la Gerusalemme Messianica: “Poi venne uno dei sette angeli che hanno le sette coppe piene degli ultimi sette flagelli e mi parlò: «Vieni, ti mostrerò la fidanzata, la sposa dell’Agnello». Non vidi alcun tempio in essa perché il Signore Dio, l’Onnipotente, e l’Agnello sono il suo tempio. La città non ha bisogno della luce del sole, né della luce della luna perché la gloria di Dio la illumina e la sua lampada è l’Agnello” (Ap 21,9.22-23). Nella ‘Nuova-Santa’ Gerusalemme, il ‘TEMPIO’ e il ‘CANDELABRO’ sono ‘DIO’ e l’ ‘AGNELLO’, questo ‘morto e risorto: Egli, da sempre ci è ‘MODELLO E LUCE!’.

     Il dialogo liturgico -sempre terrestre e celeste- tra l’‘AGNELLO’ e la ‘SPOSA-CHIESA’ è l’ininterrotto atto della ‘STORIA DI DIO-TRINO E DELL’UMANITÁ’: è ‘RECIPROCA ALLEANZA’ d’amore ‘totale, unico-esclusivo, fedele-indissolubile, fecondo’: “Lo Spirito e la sposa dicono: «Vieni!». E chi ascolta ripeta: «Vieni!». Chi ha sete venga; chi vuole attinga gratuitamente l’acqua della vita. Colui che attesta queste cose dice: «Sì, verrò presto!». Amen. Vieni, Signore Gesù! La grazia del Signore Gesù sia con tutti voi. Amen!” (Ap 21,17.20-21). Nella ‘LITURGIA’ l’Agnello Immolato-Risorto dice: “VENGO PRESTO!” e noi: “VIENI, SIGNORE GESÚ!”: il nostro passato-presente-futuro ‘rinvigoriscono’ e ‘convergono’ in VITA ETERNA!


PER LO SPIRITO SANTO                                      RITORNO AL PADRE

     Nella ‘VEGLIA PASQUALE’ cantiamo la ‘VITTORIA’ del ‘TUTTO DI DIO E DEL NIENTE NOSTRO’: “Questa è la notte che salva su tutta la terra i credenti nel Cristo dall’oscurità del peccato e dalla corruzione del mondo, li consacra all’amore del Padre e li unisce nella comunione dei santi. Il santo mistero di questa notte sconfigge il male, lava le colpe, restituisce l’innocenza ai peccatori, la gioia agli afflitti. Dissipa l’odio, piega la durezza dei potenti, promuove la concordia e la pace. O NOTTE VERAMENTE GLORIOSA, CHE RICONGIUNGE LA TERRA AL CIELO E L’UOMO AL SUO CREATORE!”

A L L E L U I A !      S H A L O M !      M A G H I F I C A T !      A M E N !

+ Serafino Spreafico

Scarica il pdf