Archivio Categoriaeritrea-etiopia-progetti

Informazioni sulla missione in Eritrea

La Missione dei Frati Minori Cappuccini in Eritrea inizia nel 1894 e nel 1911 la Prefettura è innalzata a Vicariato Apostolico, affidato ai Cappuccini della Provincia di Lombardia. Dagli inizi della missione fino al 1941, anno in cui i primi tre frati cappuccini eritrei (i primi africani) si professano nell’Ordine cappuccino, l’attività dei cappuccini è prettamente di carattere missionario e di promozione sociale: evangelizzazione, formazione del clero locale, scuole, assistenza sanitaria, ecc. La Missione diviene Custodia nel 1958, Vice Provincia nel 1970 e la prima Provincia cappuccina africana il 7 gennaio 1975. Attualmente i cappuccini sono presenti in 20 conventi in Eritrea per dare testimonianza del carisma francescano e formazione cappuccina dei giovani e varie attività sociali ed umanitarie. Elenco ...

 

Continua a leggere

Informazioni sulla missione in Etiopia

Dall’Eritrea i cappuccini lombardi, specie con p. Dositeo Magoni da Selvino, fondarono alcuni insediamenti in Etiopia, volti soprattutto ad aiutare le popolazioni locali nelle gravi carestie degli anni 70-80, e distinguendosi come apostoli dell’assistenza agli orfani. L’attività’ missionaria ha permesso la crescita delle comunità cristiane ed un numeroso fiorire anche di vocazioni sia sacerdotali che religiose. Tutte queste numerose presenze furono unificate dall’allora ministro generale fra Roberto Carraro che il 7 gennaio 1993 eresse la Vice provincia generale d’ Etiopia, con il titolo di Nostra Signora della Misericordia (Maria Kidane Meheret), patrona della nazione etiopica. Elenco frati Cappuccini Nessun frate italiano. Informazioni Vice Provincia Etiopia – Vice provinciale Johannes Wossem – Vice Provincia Mary Kidane Meheret Holy Saviour Friary P.O. ...

 

Continua a leggere

Alimentazione integrativa

03_alimentazione_01.jpg

L’Eparchia (Diocesi) di Barentù è situata all’interno dell’Eritrea, in una delle zone più povere dell’intero paese. In questa zona si sentono più forti le conseguenze della lunga guerra e della siccità che è sempre presente. Ogni beneficiario del progetto riceve 6 chili di DMK (un preparato ad alto valore nutritivo) e 1 litro di olio mensilmente. La distribuzione avviene in alcuni centri che funzionano anche da ambulatorio dove è previsto un impegnativo programma sanitario che include anche la vaccinazione regolare dei bambini, la visita delle donne in gravidanza e la cura dei malati nei vari villaggi. Questo progetto di alimentazione integrativa, portato avanti assieme alla Caritas Diocesana locale, intende beneficiare circa 9.000 persone delle categorie più indifese: bambini al di ...

 

Continua a leggere

Acqua per i nostri villaggi

mons. thomas osman_03_ridimensionare.jpg

In molti villaggi nei quali sono presenti i Missionari Cappuccini non ci sono pozzi e per rifornirsi d’acqua la gente deve percorrere decine di km fino al fiume più vicino servendosi degli animali e portando l’acqua sulle proprie spalle; il tragitto è faticoso e spesso, per soddisfare le necessità di tutta la famiglia, si è costretti a percorrere lo stesso tratto di strada più volte al giorno. I pozzi potranno risolvere i problemi dell’accesso all’acqua potabile (presente a 150 metri di profondità) per i numerosi abitanti dei villaggi e le pompe alimentate a energia solare rappresentano la soluzione più efficace, già testata in diversi villaggi. Gli obiettivi di questi progetti sono: Scavare dei pozzi forniti di pompe alimentate a energia ...

 

Continua a leggere

This is a unique website which will require a more modern browser to work!

Please upgrade today!