Carissimi amici.
La festa del Natale è una gradita opportunità per farvi giungere il nostro saluto e il nostro grazie per la fraterna amicizia con cui accompagnate e sostenete le nostre attività in questa nostra realtà  missionaria di Grajaú.

Il Natale è pure un momento importante per ricaricarci di forza ed entusiasmo nel nostro servizio ai fratelli e sorelle, ricordando che Gesù è venuto al mondo affinché tutti abbiano vita e vita in pienezza. E adesso Gesù ci dice che per continuare a realizzare questo sogno di giustizia e fraternità ha bisogno di noi, del nostro cuore e della nostra disponibilità. E allora sapendo che Lui ci è vicino e ci dà forza, si riparte con rinnovato entusiasmo, visto che di fratelli che hanno bisogno di speranza e di vita degna ce ne sono ancora tanti.
Anche qui da noi tante cose sono migliorate in questi anni; ora però si fanno sentire pure qui gli effetti della crisi mondiale. Abbiamo poi sempre la difficoltà delle periferie che stanno crescendo attorno a queste nostre città dell’ interno, a causa dell’afflusso degli abitanti dell’area rurale in cerca di migliori condizioni di vita. Periferie con tutti i relativi problemi: abitazioni precarie, mancanza di lavoro, povertà, marginalizzazione, con tanti bambini che avrebbero bisogno di essere accolti e accompagnati…con le inevitabili conseguenze: droga, alcolismo, violenza, prostituzione…
E abbiamo sempre la realtà della zona rurale con le comunità alle prese con servizi precari e precarie condizioni di vita, con l’esodo specialmente dei giovani, con l’abbandono della terra che non assicura più il necessario o per l’avanzare dei grandi progetti che occupano sempre più grandi estensioni.
Con la grazia del Signore e con il vostro aiuto noi cerchiamo almeno di mantenere segni della presenza e dell’amore della comunità cristiana, che con l’esempio di Gesù va incontro ai poveri e abbandonati. Continuiamo così il nostro impegno con le nostre creches (asili) che accolgono e accompagnano con amore i più piccoli di queste povere famiglie.L’ impegno e appoggio alle persone con necessità particolari. Cerchiamo poi di continuare due attività importanti e tradizionali nell’impegno di questa nostra Chiesa di Grajaú: l’assistenza agli hanseniani della Vila São Marino e la presenza fraterna e amica nelle aldee dei popoli indios: Guajajaras, Canelas e Timbiras. Vogliamo che questi importanti servizi continuino a essere presenza di speranza, di vita, di fraternità, segno concreto di una Chiesa che va incontro ai fratelli bisognosi.

A voi il nostro grazie, per l’ aiuto con cui ci permettete di continuare con questa presenza e per continuare a esserci vicini con la vostra amicizia e la vostra preghiera.
Il Signore vi doni un Natale di serenità e speranza nell’incontro con il Signore e un Nuovo Anno che vi veda sempre felici e sempre impegnati a pensare e a donare felicità agli altri fratelli e sorelle.

Franco Cuter