Bergamo – Pasqua 2011


Carissimi amici,


     molti di voi si sono chiesti il perché di questo mio lungo silenzio. Vi avevo detto che sarei tornato in Costa d’Avorio verso la fine di gennaio, e invece sono ancora qui …!
Il fatto è che nell’infermeria dei cappuccini di Bergamo hanno voluto farmi tutte le analisi possibili per essere sicuri che io potessi tornare in missione senza problemi, e da queste analisi risultava qualcosa di poco chiaro. Le cose erano estremamente lunghe: attendi la chiamata, attendi l’appuntamento, attendi i risultati …, settimana dopo settimana sono passati più di due mesi.
Nel frattempo in Costa d’Avorio si sono svolti vari avvenimenti importanti. Dopo settimane di combattimenti, l’ex presidente che non voleva riconoscere il risultato delle elezioni, è stato preso e mandato non si sa dove. Ora si tratta di ridare ordine alla Costa d’Avorio, dove imperversano bande di ladri armati, manca cibo e acqua e la povera gente soffre senza sapere come andrà. Speriamo bene …!
Siamo ormai a Pasqua, e questa è l’occasione per me di mandarvi i miei auguri. Speravo proprio di celebrare questa festa con la mia comunità di Alepè …. Soprattutto per la “veglia pasquale” che è la celebrazione più importante e più bella dell’anno liturgico. Con la mia comunità si celebra durante tutta la notte (come dovrebbe essere) con la celebrazione del battesimo e al mattino della domenica si mangia tutti assieme nella gioia della risurrezione. E’ questa gioia che poi si rivive nella celebrazione eucaristica di ogni domenica e nella vita cristiana quotidiana. E’ questa forza che ci sostiene nelle prove della vita: io nelle piccole contrarietà che mi mettono alla prova ogni giorno e che mi tengono lontano dal sogno della mia missione …! E auguro anche a tutti voi che questa fede vi renda forti talmente che nulla possa rapirvi la gioia della vita vissuta in questa esperienza. SIAMO RISORTI CON CRISTO: BUONA PASQUA !!! 

                                                       P. Marcantonio (Marco) Pirovano 
                                                           Missionario cappuccino




 - nelle immagini P. Marco nella missione di Alepè negli anni scorsi: