E’ stato fissato il tema della prossima Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani: "Tutti saremo trasformati dalla vittoria di Nostro Signore Gesù Cristo". E’ ispirato alla Prima Lettera di Paolo ai Corinti (1Cor 15,51-58) in cui si promette la trasformazione della vita umana con tutti i suoi ‘trionfi’ e le ‘sconfitte’, grazie alla vittoria conseguita da Cristo con la sua resurrezione.
La riflessione è stata indicata dalle comunità cristiane di Polonia e mira a considerare il senso della vittoria nei diversi campi della vita contemporanea dove la rivalità e il conflitto sono glielementi dominanti

Da quando il movimento ecumenico moderno è nato, infatti, “vi è sempre stata una chiara consapevolezza del fatto che la mancanza di unità tra i cristiani impedisce un annuncio più efficace del Vangelo, perché distrugge o mette in pericolo la nostra credibilità”. “Certamente – ha sottolineato il Papa – per quanto riguarda le verità fondamentali della fede, ci unisce molto più di quanto ci divide. Ma le divisioni restano, e riguardano anche varie questioni pratiche ed etiche, suscitando confusione e diffidenza, indebolendo la nostra capacità di trasmettere la Parola salvifica di Cristo”.

“E’ una grande sfida questa per la nuova evangelizzazione, che può essere più fruttuosa se tutti i cristiani annunciano insieme la verità del Vangelo di Gesù Cristo e danno una risposta comune alla sete spirituale dei nostri tempi”. (Asia news)

 

Il Concilio Vaticano II ha dato un nuovo impulso alla preghiera per l’unità che “accresce la nostra consapevolezza del fatto che l’unità verso cui tendiamo non può essere solo il risultato dei nostri sforzi, ma un dono ricevuto dall’alto”.