SOSTEGNO A DISTANZA. Lettera di un bambino della Costa d’Avorio