SOSTEGNO A DISTANZA. Lettera di una benefattrice