CENTRO EMMAUS PER MALATI MENTALI                                                                                                                                           Monday, November 13, 2017

Carissimi generosi amici benefattori!
Permettetemi di introdurmi con un Grazie grande cosi, con un Buon Natale e Felice Anno Nuovo 2018, con riconoscenza, sincerità, ed in unione di preghiera! Unito ad un fervido augurio “che Dio vi rimuneri abbondantemente secondo la sua infinita misericordia”!
L’atto di amore vigile e premuroso  che tramite voi, sorelle e fratelli  raggiunge la sorella il fratello nel bisogno passa a Dio, diventa lode a Dio, arriva al fratello Gesù che dice “l’avete fatto a me!” ed è come dire a Dio “quanto sei grande ed amabile nella tua creatura umana!”
E’ davvero meraviglioso! Cristo si trova nelle sorelle e nei fratelli! ed in essi va amato, specialmente in coloro che sono  poveri,  sofferenti, prigionieri, migranti, molesti, violenti e non amanti ed anche perseguenti.  Tutti personificazione del Cristo!
Ecco i cristiani dovrebbero vivere sopratutto in comunione di carità: “amatevi a vicenda”!
L’ Eucarestia – preghiera per eccellenza – rinvigorisce e prepara  a prestare umile servizio ai fratelli e sorelle e restare sempre in grazia di comunione.
La carità, virtù teologale per eccellenza,  è primieramente ed assolutamente indirizzata  verso Dio, ma nel nome del figlio Gesù si riflette sull’uomo creato ad “immagine”.
Nella Santa Messa risuona continuo l’annuncio Natalizio della Pace e la certezza della gloriosa Risurrezzione, ci si scambia  un segno di pace fraterna, e ci si nutre al banchetto dei figli attorno alla Trinità.
Che grazia e conforto la comunione! Beati coloro che sono invitati!

I malati mentali.

Vedete e badate che anche Gesù –diciamo- “le ha prese”: “ Ha un demonio ed è matto! Perché lo ascoltate?” Zitti voi! “un demonio può forse aprire gli occhi ai ciechi?” (Gv.10 – 20)
Mens sana in corpore sano” dicevano i Latini. Si traduce cosi: In un corpo sano, non può che abitare una mente sana. E’ così che diamo una grande importanza alla dieta per sanare i corpi, in modo che la mente segua in logica sanità di benessere.
Grazie a Voi cari benefattori il Centro e’ un vero Centro di guarigione spirituale, mentale e corporale !
Mamma Katy, un giorno, durante la celebrazione della santa Messa e’ arrivata all’offertorio con un secchio di acqua posato sulla testa ! Gentilmente riposto ai piedi dell’Altare.
Offerta naturalmente e sicuramente gradita anche a Padre Eterno.
Con grande gioia se ne è tornata al proprio posto, giuliva e felice danzando con eleganza. Terapia spirituale e fisica!
Acqua che debitamente benedetta è stata trasformata in sacramentale “acqua santa!”

Mammy Cecil la cantatrice a squarciagola, madre di famiglia e di ben quattro bei giovani figli adulti, è stata restituita al focolare! E che festa e che ringraziamenti e quante preghiere!
Mamma Helen è stata ridata alla famiglia perché ha superato la crisi che stabilmente la perturbava. Se ne sta ora in famiglia periodicamente visitata dal medico del Centro. Non dimentica di venire a visitare il Centro e fare da Mamma ai pazienti distribuendo porzioni di cibo dal proprio piatto.  L’amore di Mamma non si estingue!
Alo è diventato agricoltore del Centro e tiene a bada qualunque animale domestico, starà ancora un momento con noi e poi sarà reinserito in famiglia. Tra l’altro faceva il meccanico ed era bravo!
Carissimi la ripresa in salute è lenta per alcuni, subitanea per altri ma per coloro che faticano a riprendere, e forse non riprenderanno causa profonda congenita lesione permanente, il Centro rimane un posto di accoglienza caldo e similfamiliare.
Benefattori ed amici abbiatevi un sincere augurio di Buon Natale e Felice Anno Nuovo 2018.

                                                                                                                      Fra Gioacchino